Guida minima al cattivismo italiano

17,00

Che gli italiani siano cambiati, e non proprio in bene, è ormai un dato di fatto. Quella mutazione antropologica intuita da Pier Paolo Pasolini a metà degli anni Settanta è oggi ben più evidente e con tratti forse peggiori. E se in tutto l’Occidente si sono incrinate le democrazie e prevale un individualismo spaventato e consumista, l’Italia ha anticipato molti dei processi che oggi ci fanno guardare con sguardo preoccupato e disarmato l’involuzione civile che attraversa gli Stati Uniti e larga parte dell’Europa. Una deriva che parte da lontano, e cioè da quel 1989 che non solo non ha mantenuto le sue promesse ma ha segnato l’avvio di una nuova e spesso spietata globalizzazione del pianeta. In questo senso l’immigrazione è davvero il fenomeno che in modo più evidente permette di leggere il cambiamento delle culture degli italiani. Non l’unico, ovviamente. Ma l’immigrazione svolge una «funzione specchio» capace di rivelare la natura della società di accoglienza, portando alla luce ciò che è latente, un inconscio sociale lasciato nell’ombra. Prefazione di Donald Sassoon.

1 disponibili

Descrizione

Autore: Aime Marco; Borzani Luca
ISBN:9788833020983
Pagine: 200
Pubblicazione: Ott 2020
Editore: Eleuthera

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Guida minima al cattivismo italiano”