C’è una rægione se siamo allo sbando.

Dopo settimane di azioni comunicative in molte città marchigiane, oggi, eravamo circa in duecento a manifestare contro la politica criminale della #GiuntaAcquaroli sulla sanità.

Criminale perché sta mettendo in grave rischio la salute di tutte e tutti noi.

La maggioranza fascio-leghista ha mentito sui vaccini, ha finanziato la sanità privata, ha dato la priorità a soggetti e categorie che non la hanno, lasciando le fasce più deboli e fragili nei meandri di una burocrazia sorda.

Non solo, i così detti “fratelli d’Italia” hanno dato la priorità al profitto di qualche bottegaio a discapito della salute collettiva, facendo sprofondare le Marche in una zona rossa che ha bloccato libertà, socialità e lavoro.

Oggi abbiamo dato un segnale, il dissenso esiste e si può manifestare coi corpi nelle piazze. E si può farlo in sicurezza.

Abbiamo lanciato il 7 aprile, giornata della sanità, come nuova scadenza di mobilitazione, ma soprattutto abbiamo fatto una promessa: quando il Consiglio Regionale si riunirà di nuovo in presenza, noi ci saremo con i nostri contenuti, coi nostri corpi, ma soprattutto con la nostra rabbia.

CentriSocialiMarche #Vaccinisubito #RegioneMarche #Siamoallosbando