Presentazione del libro “carne da macello”

Giovedì 14 dicembre alle ore 21:00 presso lo Spazio Comune Autogestito Arvultura ci sarà la
presentazione del libro “Carne da macello” volume a cura del Si Cobas ed. Red Star Press, 2017.

Questo costituisce il primo di una serie di appuntamenti mensili che la Libreria Arvultura intende
organizzare per ragionare collettivamente sul tema del lavoro, sui nuovi modi di somministrarlo e
sulla produzione in tempi di web-economy e share-economy.

Giovedì partiremo dalle lotte dei lavoratori della logistica, settore strategico per un’economia globale
sempre più legata all’acquisto online e alla circolazione immediata delle merci.
Quando clicchiamo sul bottone ‘acquista’ di qualche sito di e-commerce stiamo mettendo in moto un
meccanismo frenetico, una serie di movimenti scanditi da cronometri e nastri trasportatori che migliaia di
operai mettono in moto muovendosi come formiche che sanno in quale scaffale dirigersi, quale pacco
riempire e poi caricare, quale camion far partire e, poche ore dopo, quale campanello suonare per
consegnare la merce ordinata.
Quelle migliaia di formiche ogni giorno vengono schiacciate dalle richieste delle aziende ed è di loro che
parleremo giovedì sera all’Arvultura con i sindacalisti “SI Cobas”; della loro condizione e di come,
unendosi e lottando hanno cominciato a vincere vertenze ed a strappare diritti.

Un appuntamento importante che ci porta verso la manifestazione di Roma del 16 dicembre “Fight/Right
– Diritti senza confini” dove migliaia di donne e uomini, migranti e non scenderanno in piazza per dire che
lavoro, casa, reddito, accoglienza e libertà devono essere diritti universali perché fondanti della dignità
umana, e non le briciole sulle quali costruire una guerra tra poveri.

Un assaggio del libro:
Guadagnano stipendi da fame eppure subiscono turni di lavoro massacranti. Non godono di alcuna
garanzia contrattuale ma sulle loro spalle ricade l’intero peso di settori strategici dell’industria italiana.
Vengono denunciati, aggrediti e diffamati e, ciò nonostante, non passa giorno che la loro organizzazione
cresca, che i loro scioperi siano sempre più partecipati e che le loro azioni non obblighino nuove aziende a
sospendere il regime di sfruttamento e arbitrarietà a cui sono costretti un numero enorme di lavoratori e
lavoratrici in Italia.
Dedicato agli operai protagonisti di un’intensa stagione di riscatto collettivo, questo libro-inchiesta è
dedicato alle loro lotte e ai diritti che uomini e donne provenienti da ogni parte del mondo hanno saputo
conquistare “a spinta”. Allo stesso tempo, nelle pagine di “Carne da macello”, s’indaga sulla fitta rete che,
dalla magistratura fino alle forze dell’ordine, prova a stringere intorno ai sindacati conflittuali le maglie di
un assurdo teorema repressivo, nel tentativo – come testimonia quanto avvenuto nel modenese dopo le
mobilitazioni dei lavoratori del settore carni e l’arresto del coordinatore nazionale del SI Cobas, Aldo
Milani – di attaccare e mettere in discussione una volta per tutte le conquiste dei lavoratori e delle
lavoratrici in Italia.
Al testo, scritto in presa diretta rispetto alle decine di picchetti che ogni giorno bloccano i principali poli
logistici reclamando reddito e dignità, è allegato il documentario “Fino alla vittoria” che, per la prima
volta, racconta con le immagini i volti e le storie dell’irriducibile opposizione operaia alle politiche di
austerità con cui si vorrebbero condannare quote sempre più alte di popolazione a un destino di fame e
precarietà.